In cammino…

Palazzolo sull’Oglio- (Carmine Palumbo)

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento che il Club di Palazzolo Sull’Oglio dà ai propri iscritti, infatti giovedì 4 giugno 2015 si terrà la consueta “Camminata al chiaror di luna”. I viandanti si ritroveranno alle ore 20 presso il parcheggio della protezione civile in via Golgi, proseguiranno verso località “Bosco levato” (per circa 3 km), visiteranno l’omonima chiesetta guidati dal Maestro Francesco Ghidotti. Seguirà l’ormai consueto falò con bruschette e Sangria.

Ovviamente vi invitiamo a partecipare numerosi e a riflettere sui molteplici aspetti positivi del camminare…..

Camminare favorisce l’elaborazione di una filosofia elementare dell’esistenza basata su una serie di piccole cose, induce per un momento il viandante a interrogarsi su di sé, sul suo rapporto con la natura e con gli altri. Tutto ciò comporta un approccio mentale di un certo tipo, infatti ognuno di noi per partecipare a un cammino deve liberarsi dalle ansie della quotidianità e lasciarle a casa.

Passeggiare ci aiuta a liberare la mente dagli stress, facendo emergere la soluzione ai problemi, e a scaricare l’energia negativa accumulata in mesi di lavoro. Cercheremo di far emergere la gioia e di condividerla con gli altri.

Impareremo a vivere in gruppo e ad adeguarci al “passo del più lento” .

Ognuno di noi dovrà cercare di mettere a conoscenza il gruppo delle proprie sensazioni e dei propri stati d’animo, perché è l’incontro il vero valore del cammino, l’incontro con la natura fuori e dentro di noi, l’incontro con gli altri, che hanno tanto da insegnarci.

Per scoprire la pace interiore della lentezza consapevole, impareremo a camminare con passo lento, guardandoci intorno, perché c’è sempre un fiore nuovo, un insetto, un colore che aspettano per stupirci.

Questo significa camminare lento: saper vivere il presente senza fretta, godersi il cammino fermandosi a osservare un paesaggio o a scambiare due parole con qualcuno. Il filosofo Gros compie un elogio della lentezza come dimensione dello spirito, ci svela i segreti del mettere un piede davanti all’altro per compiere un percorso, che non necessariamente include un “fine” specifico, perché la bellezza del camminare risiede nell’atto stesso e nel modo in cui corpo e anima dialogano in una dimensione del tutto diversa dal quotidiano a cui siamo abituati.

Scopriremo il silenzio! È bello il viaggio in gruppo perché si conosce gente nuova, si comunicano esperienze e si approfondisce la conoscenza degli altri. Ma non dovremo dimenticare il lavoro su di noi stessi. Durante il cammino scopriremo anche la bellezza del silenzio, dell’ascoltare i passi, il respiro, i suoni della natura.

Il passeggiare è utile per imparare a distinguere tra superfluo e necessario.

“..tu a che punto sei lungo il tuo destino

Tu sei oltre o sei vicino

tu ce l’hai fatta o sei in cammino tu..”