Invisibili Essenze

24

INVISIBILI ESSENZE 2014

“La bellezza del saper ascoltare”

“La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le contempla” David Hume,1776.

Nell’esperienza del bello c’è sempre la sensazione di essere davanti a qualcosa che non appaga soltanto gli occhi o i sensi, ma che richiede di andare “oltre”, verso una profondità non vista e tuttavia presente. In effetti, il bello è qualcosa che ci attrae in maniera coinvolgente e che innesca in noi una ricerca “ulteriore” che non viene appagata solo dallo splendore della forma con il quale i nostri sensi sono stati rapiti e conquistati. La bellezza, a guardar bene, è al centro di ogni azione umana e in ciascuna quotidianità, basta pensare alla comunicazione che passa attraverso l’ascolto.

La bellezza del saper ascoltare l’altro è una bellissima manifestazione di rispetto;  è un segnale di attenzione verso l’altro ed è il modo miglior per creare relazioni vere e durature. L’ascolto attivo si basa sull’empatia e sull’accettazione, si fonda sulla creazione di un rapporto positivo, caratterizzato da ’’un clima in cui una persona possa sentirsi empaticamente compresa’’ e, comunque, non giudicata. Per diventare ’’attivo’’, l’ascolto deve essere aperto e disponibile non solo verso l’altro e quello che dice, ma anche verso se stessi, per ascoltare le proprie reazioni, per essere consapevoli dei limiti del proprio punto di vista e per accettare il non sapere e la difficoltà di non capire. Saper “ben ascoltare” può portare ad aprire la mente a nuove idee, a nuove soluzioni, ad un arricchimento della persona e di conseguenza della società.

Il ciclo di incontri organizzato per il 2015 partirà ad ottobre ed il tema sarà “Le nostre eccellenze”

*la presente locandina ricorda gli incontri realizzati nel 2014.